SIRIANI E SAUDITI

Mi metto nei panni di Obama. In Siria c’è un despota quasi sciita che viola i diritti umani. In Arabia Saudita lo Stato sunnita ha condannato a morte 185 persone in un anno. Il primo va deposto, il secondo resta un petroliere alleato? perché anche gli Usa hanno la pena di morte facile?

Condividi

SEMPRE ASTERISCHI 29 settembre 2015

In Bangladesh ucciso un italiano. Il messaggio dell’Isis dice solo “un crociato”. Facciano i loro conti quelli che non tengono conto della storia e delle sue conseguenze. A proposito: bastano in Siria il controllo Isis su gran parte del paese, 300mila morti e 11 milioni di profughi per chiedere agli Usa perché mai hanno sostenuto […]

Condividi

PIETRO INGRAO

Andavo al Centro Riforma dello Stato, dove lui era la figura più affascinante. Non ero “igraiana” perché non credo giusta l’ “appartenenza” nemmeno in politica; ma mi persuadeva, più di Amendola. Penso che davvero fosse un grande, anche perché rifiutava di esserlo. Infatti ne ricordo l’apparente timidezza: sarà stato duro e puro in determinate situazioni, […]

Condividi

LA SUBLIME PORTA

FARE I CONTI CON LA “SUBLIME PORTA” Giancarla Codrignani L’espressione “Sublime Porta” indicava agli ambasciatori l’ingresso ufficiale nel grande Impero Ottomano, ma nel Ventesimo secolo era un’espressione di puro effetto fonetico, sostanzialmente fragile quanto ormai era lo stesso impero. La “grande porta” di Istambul non faceva più paura da quando il trono aveva incominciato a […]

Condividi

SINISTRA E MILLENNIO

Ma dove stanno allocati tanti “compagni” di anni più o meno lontani? Possibile che io venga accusata di essere “renziana”, cosa di cui non mi importa nulla perché non penso ai politici come fidanzati, e che debba vederli estasiati delle parole del Papa che per loro suonano come “parole d’ordine” di altri tempi (non è […]

Condividi

Pochetti, il “cinghiale”

Un amico ha ricordato sulla stampa che cadono 25 anni dalla morte di Mario Pochetti. Ovviamente nessuno se ne ricorda; anzi, nessuno sa più niente di lui. E’ stato per diverse legislature il coordinatore d’aula del Pci; erano tempi in cui l’obbligo “senza eccezione alcuna” di essere presenti costringeva a Montecitorio anche chi avesse l’infarto. […]

Condividi

UN TOT DI ASTERISCHI

I più (o meno) giovani politicamente esigenti, se guardano l’Ungheria di Orban, capiscono subito la differenza tra destra e sinistra. Quando si vota, non tutti fanno schifo “a prescindere” e percepire i limiti non è turarsi il naso. Posto che il dollaro “comanda” ancora, la Federal Reserve di Janet Yellen  ha scelto di non privilegiare l’interesse […]

Condividi

L’ONORE MILITARE

La guerra produce orrori e la violenza si esercita sulle donne con ferocia indicibile: vagine squarciate dagli stupri, uteri strappati con i feti, intestini fuorusciti. In Congo un medico, Denis Mukwege, si è prodigato per risanare e ricostruire organi di corpi femminili violati con un impegno che gli è valso il premio Sakarov lo scorso […]

Condividi

NONOSTANTE….

Condivido, con desolazione. <<Qualche cosa di nuovo dal fronte orientale: le notizie che arrivano dalla Siria e dall’Iraq non permettono altri rinvii per la tenuta del sistema occidentale. Con un impercettibile ritardo di oltre quattro anni, dopo 250mila morti e oltre 4 milioni di profughi, gli Usa hanno deciso che si può trattare con la […]

Condividi

LO SPORT DI FLAVIA

Rendo onore a quello sport poco compatibile con le mie naturali propensioni, che sento ostile per la sua pratica competitiva che non sa mai diventare gioco. Ma come non essere d’accordo con Flavia Pennetta che, forse perché è una donna di cervello, non tanto dice di ritirarsi nonostante la vittoria così strepitosa, ma precisa le […]

Condividi