TELECOM

Anche Prodi voleva che la rete fosse pubblica. Oggi Telecom sta per investire 12 mld. per la banda larga (che rende possibili le tv on demand). Renzi avrebbe un progetto per trasferire la partita alla Cassa Depositi e Prestiti, ma la pratica non si muove. D’altra parte non è in vista nessuna “cordata” di investitori […]

Condividi

AUNG SAN SUU KYI

Finalmente. La Birmania ha votato e la Signora ha vinto le elezioni. Ma la Costituzione vieta a chi ha coniuge o figli di altra nazionalità di diventare presidente (articolo espressamente preventivo, contro di lei sposata ad un inglese con figli britannici) e sarà solo vice-presidente. Dopo decenni di repressione non più sopportata, i militari si […]

Condividi

LAVORO GENITORIALE NOTTURNO

Dedicato agli amici che “i servizio o pubblico o niente”. Un sindaco intelligente di un paesino pugliese ha istituito l’apertura dell’asilo per i bimbi alle 3 di notte: per le/i braccianti che prendono i pullman per andare al lavoro prima dell’alba. A Milano un asilo privato tiene aperto 24 ore al giorno per esigenze brevi […]

Condividi

COME MI SONO DIVERTITA

Il premier irlandese Enda Kenny ha negato l’accesso al referendum che intende cambiare la normativa che in Irlanda – il paese del peggior cattolicesimo europeo a pari merito con la Polonia (e lo dico da cattolica) – criminalizza l’aborto. Un’attrice, Graine Maguire, ritenendo che la vagina sia un interesse indebito di un primo ministro, ha […]

Condividi

ADELE CAMBRIA

Spero che sia rimasta felicemente ardita fino al congedo. Dio, quante emozioni, corse e risate ai tempi del Governo Vecchio, dove le femministe doc in assetto di guerra poco mancava che menassero le innocue parlamentari ingenuamente presenti. Lei – sarà stata a stento 1,50 – sempre con i tacchetti risonanti nella corsa, allegra e tignosa, […]

Condividi

4 NOVEMBRE: I DISERTORI

Speravo – ma non ho notizie certe – che anche il Senato avesse votato, come già in maggio la Camera, la Legge per la riabilitazione dei soldati italiani condannati a morte nella Grande guerra per reati previsti dal Codice Penale militare (Regio Decreto 28 novembre 1869). Il gen. Cadorna ordinava:”Nessuno deve ignorare che in faccia […]

Condividi

MILANESI

Roberto Napolitano sul Sole24Ore rievoca, alla fine dell’Expo, “l’inferno dei black bloc” che, il venerdì prima dell’apertura, avevano incendiato macchine, divelto semafori, tirato molotov, devastato banche, seguiti nella stessa giornata da un corteo di migliaia di oppositori della manifestazione che, a posteriori, appare chiaramente un evento positivo. Soprattutto fa molto bene a rievocare la “marea” […]

Condividi