BAMBINI/E, RAGAZZI/E

Più ne sento parlare più non mi va giù l’affare Pillon, con la violenza del fondamentalista che vuole tornare alla famiglia indissolubile sulla pelle dei bambini. Ma i bambini sono davvero privi di diritti. Perché privi di amore.

Tuttavia c’è di peggio. Vi ricordate che nell’espulsione ai confini con il Messico di un paio di mesi fa i bambini furono separati dai genitori che volevano entrare da “clandestini”? Bene separati sono rimasti e oltre al piccolino con il costumino rosso morto sulla spiaggia, ho fisso il ricordo della piccolina in lacrime davanti alle guardie sgomente. Non solo i “minori non accompagnati” in Usa sono in 2.ooo nel deserto del Texas, nella tendopoli di Tomillo. Poi li metteranno in adozione. Una crudeltà inaccettabile , si dice. Ma si accetta anche di non sapere che succede.

AVVISO AI NAVIGANTI: CHI MI LEGGE SI PREPARI A VEDERE ACCRESCIUTI GLI “ARTICOLI” CHE NON HO MESSO VOLENTIERI PER NON ANNOIARE. HO CAMBIATO IDEA PERCHE’, TANTO, NESSUNO E’ OBBLIGATO A LEGGERLI. INCOMINCIO CON UNA “LISISTRATA” CHE STRANAMENTE MI SEMBRA CARINA.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *