Dunque la tessitura di Teresa May per “rispettare la volontà del popolo espressa dal referendum” è fallita sonoramente: poco più di 200 a favore, oltre 450 contro. Una prima osservazione è se, vista di lontano, si devono rispettare i voti referendari: formalmente Teresa ha ragione, ma io, guardando alla Svizzera, ma anche ai voti di consenso all’Europa di Francia e Olanda, per non parlare di noi. Sono sempre più persuasa che il referendum è per definizione populista.
La seconda è se sarà possibile azzerare e ricominciare: l’Europa potrà concordare una tregua, ma migliore di questa? E se si sfiducia May, GB va ad elezioni anticipate? previsione tremenda…