Papa Francesco ha invitato i medici a fare obiezione all’interruzione volontaria della gravidanza. Non sarebbe stato male se si forsse fermato alla sola condanna dell’aborto, ma non si può chiedere a un Papa di rinunciare al suo mestiere. Non è lui, infatti, il responsabile di una legge che consente sia la possibilità di ricorrere all’interruzione di gravidanza, sia la paralisi del servizio negli ospedali pubblici. Pensate che, nell’interesse dell’elettorato femminile, i partiti si affretteranno a modificare la 194 per porre fine all’obiezione ad una legge dello Stato? Nessuna scommette? Ma va….

Condividi