Era simbolico, ma un percorso giusto. Ne 1948, dopo l’ultima guerra civile, abolì le Forse Armate dalla Costituzione. Nessuno sa che una ventina di piccoli paesi dell’Onu seguì l’esempio. Ovviamente nessuno scandalo eccessivo: restava la polizia, abbastanza riconvertibile in caso di necessità; ma intanto il messaggio era forte.
Oggi i guardiani dei parchi riprendono le armi per difesa contro i narcosi che hanno esigenze di transito e spazi. Non cambiabia il principio, ma un po’ di escalation c’è. I paesi-simbolo vanno salvaguardati.

Tra l’altro il Costarica vive di salvaguardia ambientale da sempre e bisogna studiarne la vita: in fondo vivono nelle città come in qualunque altro paese, quindi varrebbe la pena di vedere meglio. Ma tra le cose da fare, mentre si favoleggia di ridurre il numero delle auto aumentando il trasporto pubblico, a Venezia i gondolieri hanno messo il lutto alle barche della Regata Storica per protesta per i “troppi motori” in Laguna….

E siccome il far west dei rifiuti in Italia non solo inquina al peggio e danneggia la salute dei territori, mentre all’accumulo di tonnellate di materiali pestiferi sta a cielo aperto al Sud, mentre procede in analoghe procedure, ma anche in appalti del business ambientale al Nord, bisognerà provvedere con misure di controllo antiriciclaggio drastiche: l’Italia lavora troppo con il denaro liquido. Renzi aveva posto il limite di 5.000, che è poco; ma anche quello è stato cancellato e non ci sono limiti. Terribile che nessuno a sinistra ne faccia un obiettivo, almeno per informare la gente che non ama pagare il caffè con il bancomat, mentre favorisce il riciclaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *