Un intervento critico di Lorenzo Tomasin sul Sole24Ore di oggi (domenicale del 26.02), dice che lui “sta con la professoressa” perché non sopporta l’atteggiamento di don Milani “contro il sistema” (che allora era un altro) e “contro i laureati” (“le segreterie dei partiti sono saldamente in mano ai laureati”). Dice che gli vien da ridere, anche perché oggi dalle aule escono degli analfabeti.
Secondo me la famosa lettera è semplicemente datata, arcaica: la leggo come un documento storico. Infatti oggi anche Gianni oggi è laureato, mentre quel Pierino, che sapeva le parole che emarginavano  l’ignorante di classe, ha oggi bisogno di essere alfabetizzato come l’ex-proletario:  il lessico si è impoverito per entrambi. E la responsabilità è certo della scuola, ma anche del nonno che andava a Barbiana e che poi si è perso a guardare la tv (che usa più o meno 600 parole), mentre suo figlio si sta perdendo sui social, i cinguettii e le faccine.

Condividi

2 thoughts on “DON MILANI OGGI

  1. Non guardo quasi mai i commenti. Ma mi fa piacere ringraziare del ringraziamento. Buon lavoro (e non solo)
    gc

  2. Una delle poche critiche intelligenti che abbia letto in questi ultimi giorni sul mio articolo. Grazie!
    Lorenzo Tomasin

Comments are closed.