Un amico di tante campagne per la pace e delle marce Perugia/Assisi. Ascoltato questa mattina su Radio3. Un pacifista? un pacifista. Ma che cosa significa, se da trenta a quarant’anni rigiriamo una stessa zuppa? Possibile che non si riesca a fare campagne e marce per “prevenire” i conflitti e, se ci sono già, prevenire le guerre? Forse chi dirige i movimenti studia poco?

Condividi