E stata una pratica “gesuitica”: le donne possono essere “autrici” di una predicazione, ma non predicare con la propria voce. La parola detta al venerdì santo è stata recitata da voci anche femminili, non c’è stata nessuna predicatrice. Quindi la cosa “straordinaria” è stato l’uso di un’intelligenza omologata, senza autorità. Sempre la voce rimossa di Maria di Magdala.

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *