Certo, la Convenzione internazionale sui diritti dell’infanzia e dell’adolescenza.… impossibile una Convenzione contro la presunzione di sapere il bene degli altri. I bambini nascono ancora per caso e bambine di 15 anni restano incinte di padri di 16, i pedofili abitano le famiglie, gli adolescenti si suicidano. Quando tutto va bene, non ci accorgiamo che dai bambini potremmo imparare e che la libertà dei più piccoli non significa vivere senza regole come vorrebbero per sé i grandi. I ragazzi ormai hanno imparato l’estraneità, la solitudine delle serate dentro un pc o nel rumore della discoteca e stanno diventando anaffettivi. Le generazioni adulte vivono nell’irresponsabilità, perfino involontaria, anche quando dicono di amare. Chissà se se ne parla nei tanti convegni di oggi….

Condividi