Sul Sole24ore del 19 febbraio 2017) l’economista Paul Kurgman scrive una confessione turbata sul mestiere dell’intellettuale che fa l’economista, ma deve “cercare di dialogare con il mondo in generale” e non limitarsi aleggere saggi accademici (che è come “guadare video di gattini su youtube”. Dare a tutti – mi è sembrato di capire – la possibilità di affrontare la verità, che non si debbono “raccontare bugie nobili”, che Trump non è così negativo. Perché “idividui pessimi vinveranno le elezioni… Dovete semplicemente perseverare. Dovete avere la pelle dura ed essere preparati ai rovesci…Probabilmente sarà una lunga notte… Ma dovete fare il vostro dovere”.
Lo dice agli economisti, ma vale per tutti.

Condividi