Non a caso il mio debutto politico (che è il “fare”) fu l’essere intervenuta per l’obiezione di coscienza non per ragioni morali o ideologiche, ma civili. Che sia possibile che una nave carica di migranti entri nei porti “contro la legge” (una legge che ancora non è stata portata al giudizio della Consulta) è encomiabile e lecito. Ovvio che si rischia di persona. Ma voglio vedere come continueremo a reagire alla sottrazione subdola di libertà che questo governo ogni giorno di impone.

Insieme con l’inoculamento di falsità e idiozie dei social. La dipendenza, come dice Michele Serra, è sempre tossica.