Il card. Mazzarino non poteva tollerare che sua nipote fosse l’amante del re e tanto fece che Maria Mancini lasciò Parigi. Forse le numerose lettere con cui Mazzarino, sapendo di essere necessario, minacciava di andarsene erano dovute soprattutto alla preoccupazione che l’attaccamento di Luigi XIV contrastasse il progetto di comporre i contrasti con la Spagna con un matrimonio tra il re e l’Infanta. Comunque, fece accasare la nipote a un Colonna: nemmeno il papa credeva alla virtù della ragazza, ma l’ambasciatore francese aveva garantito l’innocenza di Luigi, cosa importante per il conteggio della dote. Non rappresenterebbe una gran testimonianza che lo sposo riconoscesse vergine la moglie; tuttavia, se fosse mai vera, la notizia potrebbe perfino confermare che il re era stato un gentiluomo solo perché, tenuto conto delle sue abitudini, era davvero profondamente innamorato: Racine nella Berenice usò la frase detta da Maria partendo da Luigi in lacrime: “Siete un re; e piangete2“. Pensa te…

Condividi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *