Nel 1867 Salvatore Morelli avanzò la prima proposta per il voto alle donne: era il primo in Europa. Esattamente 150 ani fa. Nessuno/a commemora?Uno che, mazziniano, si era fatto otto anni di fortezza per aver bruciato il ritratto del re Ferdinando e anche il confino a Ventotene. Scrisse “La donna e la scienza” (NA, 1869) contro i pregiudizi sessisti, prima di Stuart Mill. Sostenne anche il divorzio, il riconoscimento dei figli “illegittimi”, il doppio cognome, l’abolizione del divieto di matrimonio per alcune categorie di lavoratrici, l’accesso delle ragazze al ginnasio e la validità della testimonianza in giudizio (unica delle proposte di legge approvata).

Condividi