L’on. Gianluca Vacca, sottosegretario per i Beni e le Attività Culturali ha risposto all’interrogazione di Nicola Fratoianni e Federico Fornero sul bando pubblico vinto dalla fondazione anglosassone Dignitatis Humanae Institute che (dichiarazione del presidente Benjamin Harnwel) intende farne “la sede della lotta per difendere la civiltà giudaico-cristiana nel mondo istituendovi un’Accademia dell’Occidente giudaico-cristiano. Si tratta di un’emanazione dei teocon americani guidata dal card. Burke, contro Papa Francesco. Si propongono di “utilizzare la sede come rappresentanza del movimento politico internazionale (The Movement) cattolico-fondamentalista, nazionalista. populista voluto da Steve Bannon. Il Washington Post riferisce che  Benjamini Harnwell “sta lavorando per trasformare la certosa in un’accademia per studenti “guerrieri” che vogliono imparare le regole del populismo per una nuova generazione di sovranisti”. La risposta è pilatesca (la concessione è del 2017,  un altro governo, la documentazione risulta regolare: i commenti critici sono estranei) ma ineccepibile. Poco giustificabile che né laici né cattolici abbiano saputo prevenire il danno. Adesso bisognerà operare un’altra, necessaria prevenzione.
Solo che sarebbe necessaria una migliore informazione nel merito: i laici non capiscono l’importanza dell’insidia e i cattolici sono troppo ignoranti per capire. Perché da questa “Accademia” possono uscire (ormai ha sede ovunque in Europa) iniziative preoccupanti; e credo che si debba riflettere sull’Andalusia, dove il partito di destra Vox è spuntato come un fungo poco prima della vittoria elettorale e nemmeno i giubbetti gialli di Francia persuadono di una militanza che, per divisa, promette il pugno di ferro nei confronti della democrazia. La presenza in armi e bagagli sul nostro territorio non è acqua fresca. Chi sa qualcosa del gruppo che intende presentarsi alle elezioni con il nome Vult? senza rumori è arrivato u paio di mesi fa al dibattito di Gruber.